Crea sito

Terminologia musicale

HOME

TEORIA

Indice

Preludio

Capitolo I
Capitolo II
Capitolo III
Capitolo IV
Capitolo V
Capitolo VI
Capitolo VII

Postludio

Terminologia


RITMICA

Introduzione

1. Clave
2. Origini
3. Ritmica

Conclusioni
Terminologia musicale


A cappella
Brano vocale eseguito senza accompagnamento strumentale.

Accelerando
Indicazione per aumentare la velocitÓ d' esecuzione.

Ad libitum (o ad lib)
Improvvisare a piacere o ripetere singole note o frasi melodiche. L'indicazione si trova quasi sempre in coda a una canzone, e indica anche di " sfumare ".

Accordo
Combinazione armonica di pi¨ suoni

Armonia
Di derivazione greca, significa regolaritÓ di proporzioni, semplicitÓ di rapporti fisici, buon accordo. In musica l'armonia Ŕ la materia che si occupa della costruzione degli accordi e della loro concatenazione.

Armoniche
Vengono chiamati suoni armonici, oppure semplicemente, armonici o armoniche, le vibrazioni generate da una fonte sonora. Le frequenze delle vibrazioni armoniche sono multipli della frequenza fondamentale, che viene anche detta prima armonica.

balance
Equilibrio di timbro e di volume tra strumenti e voce.

Ballad
Canzone lenta, spesso d' amore, o semplicemente un brano il cui testo Ŕ narrazione di una storia.

Break
Breve pausa strumentale in cui il solista rimane solo e improvvisa.

Cadenza
Passaggio spesso virtuosistico o progressione melodica sul finire di un brano, che suona come la conclusione.

Canto
La melodia, la voce principale, il tema

Chart
Indicazione dell'arrangiamento o della linea melodica con gli accordi di un brano.

Chorus
A volte indica il ritornello, altre volte parte della struttura di una canzone.

Cover
Nuova elaborazione di un brano giÓ esistente.

Decay
Far decrescere una nota fino a svanire.

Delay (o ripetizione)
Dare alla nota un effetto simile all'eco.

Double time
Eseguire un brano musicale a velocitÓ doppia rispetto a quella indicata all'inizio.

Intervallo
E' il rapporto fra due suoni con altezze diverse.

Fade in
Usato per indicare il rientro nella esecuzione di un brano musicale con una crescita della dinamica (pp < ff)

Fade out
Usato per indicare la fine di un brano musicale con la diminuzione dell'intensitÓ sonora fino al silenzio totale.

Fake
Improvvisare.

Fill
Riempitivo; in genere una variazione del solista rispetto alla linea melodica.

Flat
Suono piatto senza nessun effetto elettronico aggiunto.

Intro
Introduzione, parte iniziale, preparatoria di un brano.

Key (o chiave)
TonalitÓ della canzone.

Medley
Gruppi o estratti di canzoni eseguite di seguito, senza interruzione.

Melodia
Deriva dal Greco: mel˘idia, mÚlos = "frase musicale", ˘idýa = "canto" quindi una frase musicale cantabile.

Obbligato
Parte essenziale melodica eseguita all'unisono con l'orchestra.

Ostinato
Figura musicale o ritmica ripetitiva.

Phrasing
Una linea melodica che si discosta da quella originale perchÚ pi¨ sfaccettata.

Recitativo
Parte che riprende le inflessioni del parlato.

Repeat (o reprise)
La ripresa di un determinato passaggio.

Riff
Frase ritmica o melodica, ripetitiva di un brano, destinata ad essere pi¨ facilmente memorizzata.

Scat
Improvvisare usando sillabe; si tratta di una tecnica tipica del jazz.

Sharp
Diesis o nota crescente o esecuzione eccessiva.

Solo (o assolo)
Esibizione musicale predominante sul resto degli strumenti, improvvisando.

Straight
Melodia eseguita senza variazioni.

Tema (o tune)
Melodia principale di un brano.

Timbro
Uno dei attributi del suono: esso dipende dalla composizione armonica della vibrazione, vale a dire dal numero, dall'ordine e dalla intensitÓ con cui si associano le armoniche generate dall'onda fondamentale.

Vamp (introduzione o conclusione)
Passaggio ripetitivo eseguito indifferentemente come introduzione o conclusione di un brano.